Apprendistato di Alta Formazione e Ricerca – Caratteristiche

Il contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca (c.d. apprendistato alto) è disciplinato dall’art. 5, D.Lgs. n. 167/2011[1], ed è finalizzato alla “attività di ricerca”, oltre che al “conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore, di titoli di studio universitari e della alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, per la specializzazione tecnica superiore di cui all’articolo 69 della legge 17 maggio 1999, n. 144, con particolare riferimento ai diplomi relativi ai percorsi di specializzazione tecnologica degli istituti tecnici superiori di cui all’articolo 7 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 gennaio 2008”, ed al “praticantato per l’accesso alle professioni ordinistiche o per esperienze professionali…” (art. 5, co.1, D.Lgs 14 settembre 2011, n. 167, c.d. T.U. dell’apprendistato).

CAMPO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO. La possibilità di assunzione con il contratto di apprendistato alto riguarda “tutti i settori attività, pubblici o privati” (art. 5, co.1, D.Lgs. . 167/2011).

CAMPO DI APPLICAZIONE SOGGETTIVO. Destinatari del contratto sono:
“soggetti di eta’ compresa tra i diciotto anni e i ventinove anni” (da intendersi 29 anni e 364 giorni)
giovani che abbiano compiuto i 17 anni d’età e siano in possesso di una qualifica professionale (conseguita ai sensi del D.Lgs. 17 ottobre 2005, n. 226, recante “Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione a norma dell’articolo 2 della legge 28 marzo 2003, n. 53 “) (art. 5, co.1, D.Lgs. n. 167/2011).

PROFILI FORMATIVI E DURATA
Regolamentazione regionale. “Per i soli profili che attengono alla formazione”, la regolamentazione e la fissazione della durata dell’apprendistato alto sono attribuite alla Regione “in accordo con le associazioni territoriali dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, le università, gli istituti tecnici e professionali e altre istituzioni formative o di ricerca, comprese quelle in possesso di riconoscimento istituzionale di rilevanza nazionale o regionale e aventi come oggetto la promozione delle attività imprenditoriali, del lavoro, della formazione, della innovazione e del trasferimento tecnologico” (art. 5, co. 2, T.U.).
Mancanza della regolamentazione regionale. In mancanza delle regolamentazioni regionali, l’attivazione dell’apprendistato alto è demandata “ad apposite convenzioni stipulate dai singoli datori di lavoro o dalle loro associazioni con le Università, gli istituti tecnici e professionali e le istituzioni formative o di ricerca (di cui al co. 2 dell’art. 5 D.Lgs. n. 167/2011), senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”.
Per l’apprendistato alto, la legge non stabilisce né le caratteristiche del percorso formativo, né un monte ore di formazione minimo; entrambi i profili saranno perciò regolati dalle intese regionali.

STANDARD FORMATIVI. Per la verifica dei percorsi formativi svolti nell’ambito dell’apprendistato di “alta formazione” (come di quello per la qualifica e il diploma professionale), devono essere fissati standard formativi (entro 12 mesi dal 25 ottobre 2011, data dell’entrata in vigore del T.U.) dal Ministero del lavoro (“di concerto con il Ministero dell’istruzione, della università e della ricerca, e previa intesa con le Regioni e le province autonome…., nonché nel rispetto delle competenze delle Regioni e province autonome e di quanto stabilito nell’intesa tra Governo, Regioni e parti sociali del 17 febbraio 2010”) (art. 6, co. 1, D.Lgs. n. 167/2011)

STANDARD PROFESSIONALI. Per la verifica dei percorsi formativi relativi all’apprendistato di ricerca (e professionalizzante) sono definiti standard professionali da parte dei “contratti collettivi nazionali di categoria o, in mancanza, attraverso intese specifiche da sottoscrivere a livello nazionale o interconfederale anche in corso della vigenza contrattuale” (art. 6, co. 2, D.Lgs. n. 167/2011).

LIBRETTO FORMATIVO DEL CITTADINO. Il datore di lavoro ha il compito di effettuare la registrazione, nel libretto formativo, della formazione (anche informale) acquisita dall’apprendista.

Guadagnare con i Segnali Forex

Il trading in valuta estera è un ottimo modo per guadagnare denaro. Molti investitori riescono a guadagnare molto denaro con l’investimento in valute, per cui vi è un notevole interesse verso questo settore. I segnali del Forex possono essere utilizzati per guadagnare denaro aprendo e chiudendo operazioni, anche su base giornaliera.

Il mercato dei cambi è molto liquido, questo fatto da solo ha permesso a molti investitori di guadagnare o di perdere anche delle somme di denaro ingenti. I prezzi delle valute e delle altre possibilità di investimenti nel settore, come ad esempio per le materie prime, cambiano in maniera molto rapida. Il mercato del Forex è in continua evoluzione e bisogna sempre essere aggiornati.

Il mercato è aperto ed operativo tutto il giorno e anche tutta la notte, il che lo rende un’opzione molto interessante per gli investitori. Il mercato in Asia è il primo ad aprire la mattina, mentre quello degli Stati Uniti è l’ultimo ad aprire, nel tardo pomeriggio. Non appena il mercato degli Stati Uniti resta aperto per un certo periodo di tempo, il mercato asiatico si riapre e il processo continua.

Gli acquirenti dovrebbero riuscire ad investire nel periodo di tempo in cui sono aperte contemporaneamente le borse USA e quella di Londra, dove avvengono la maggior parte degli scambi commerciali in valute.

Il dollaro è la valuta che viene utilizzata in questo settore. La maggior parte dei traffici vengono infatti fatti acquistando e vendendo dollaro USA. Ci sono molti sistemi che promettono di guadagnare migliaia di dollari al giorno, ma non tutti sono da considerare. Il Forex è un mercato in cui bisogna fare un passo al giorno, non esistono guadagni veloci ed immediati.

Il primo passo per iniziare a fare soldi con il mercato del Forex è quello di comprendere appieno i meccanismi e le dinamiche dei segnali Forex.

Indici di un Rapporto di Lavoro Subordinato

L’elemento fondamentale di un rapporto subordinato è il vincolo di soggezione del lavoratore al potere organizzativo, direttivo e disciplinare del datore di lavoro, con conseguente limitazione della autonomia ed inserimento nell’organizzazione aziendale, ovvero nel ciclo produttivo aziendale (ex art. 2094 cod. civ.).

Questo principio risulta fondamentale anche per le prestazioni a carattere intellettuale ed è stato ribadito dalla Cassazione nella sentenza del 18 novembre 2010, n. 23320. Nella fattispecie, un’annunciatrice e traduttrice televisiva è ricorsa al giudice del lavoro al fine di ottenere il riconoscimento della natura subordinata dell’attività svolta.

La Cassazione ha accolto il ricorso sulla base degli elementi sussidiari caratterizzanti il rapporto di lavoro subordinato, ossia tenendo conto
dei vincoli d’orario;
dei controlli penetranti e pervasivi esercitati;
dei criteri di determinazione del compenso, commisurati alle ore di lavoro risultanti dai turni predisposti dall’azienda;
dell’obbligo della lavoratrice di mantenersi a disposizione fra una trasmissione e l’altra;
dell’omogeneità dei compiti svolti rispetto a quelli dei traduttori annunciatori assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo parziale.

Evidenziando la soggezione al potere di controllo del datore di lavoro la Corte di Cassazione si è uniformata al consolidato indirizzo giurisprudenziale ai fini della distinzione tra lavoro autonomo e subordinato

Come Organizzare una Riunione

Quante volte hai assistito a riunioni inconcludenti, alla fine delle quali tutti i partecipanti ritenevano di aver perso ore e ore del loro prezioso tempo senza averne ottenuto alcun vantaggio? Innumerevoli, immagino. Ahimè, le riunioni sono sempre una croce per chi deve andarci e non sono viste di buon occhio dalle persone che devono parteciparvi. In questa guida troverai spiegato in modo semplice come organizzare una riunione di successo.

Definisci gli obiettivi della riunione. Quante volte un capo o qualcuno riceve un fax e o una comunicazione e indice una riunione immediatamente? Tantissime. Quante volte in questo tipo di riunioni si sa cosa si deve fare, quali azioni intraprendere, e così via? Nessuna. Il motivo di queste inutili perdite di tempo è dovuto alla mancanza di obiettivi. Ogni riunione, infatti, deve avere uno scopo ben preciso, altrimenti è inutile convocarla. Pertanto, la prima cosa che devi definire sono gli obiettivi della riunione: se non ne trovi uno, non convocare nessuna riunione. Esempi di obiettivi sono: l’ Individuazione di azioni da intraprendere o di punti deboli di un contratto. informare i collaboratori.
Scrivi gli obiettivi che vuoi raggiungere in non più di una mezza pagina. La scrittura degli obiettivi è importante perché ti aiuta a focalizzarti meglio su cosa vuoi ottenere.

Crea l’agenda della riunione. L’agenda è l’insieme dei temi di cui si vuole discutere all’interno della riunione. Ecco un esempio di agenda

Benvenuto
Identificazione dei problemi
Discussione
Risoluzione dei problemi

Come puoi vedere, l’agenda ti fa focalizzare sulle azioni concrete da intraprendere. Non pensare, a questo, punto, alle persone che devono partecipare. Devi, al contrario, creare i vari punti dell’agenda che ritieni siano importanti per il raggiungimento degli obiettivi della riunione. L’agenda è, a tutti gli effetti, un piano di lavoro. Deve, quindi, essere finalizzato a determinati obiettivi. L’aver definito gli obiettivi della riunione ti aiuterà a individuare i punti dell’agenda. Ricorda di non inserire temi nell’agenda che non sono utili al raggiungimento degli obiettivi. Immaginate, per assurdo, se nell’agenda presa ad esempio ci fosse un punto dal titolo “Analisi della partita di calcio aziendale”. Immagino che tutti riderebbero a crepapelle, perché il tema è tutt’altro: risolvere problemi. Inserire solo punti funzionali al raggiungimento degli obiettivi della riunione ti aiuterà a non perdere tempo. Infine, ricorda che devi indicare:

La data in cui si svolgerà la riunione
L’orario d’inizio della riunione.
L’ora d’inizio, la durata e l’orario in cui si prevede termini la discussione di ogni singolo punto.

Alla fine, la tua agenda dovrebbe essere come la seguente

DATA RIUNIONE: 25 ottobre 2010 Inizio 9.30 Termine 12.30

AGENDA
Benvenuto 9.30 – 9.40
Identificazione dei problemi 9.40 – 10.30
Discussione 10.30 – 11. 30
Risoluzione dei problemi 11.30 – 12. 30

Identifica chi saranno i partecipanti e cosa ti serve. Una volta definiti obiettivi e agenda, devi identificare le persone che ritieni sia utile che partecipino alla riunione. Non invitare tutte le persone che conosci o tutti i colleghi. Invita soltanto chi ritieni possa essere utile per raggiungere gli obiettivi della riunione. A volte, potrai anche invitare alcune persone come osservatori. Pensa, ad esempio, ai capi dei partecipanti. Ad ogni modo, devono sempre essere funzionali agli obiettivi della riunione. Una volta individuati i partecipanti, devi identificare cosa serve a te e ai partecipanti per lavorare efficacemente. Possono servire documenti, proiettori, analisi di marketing, e così via. Ti devi procurare i documenti oggetto di analisi o discussione.

Individua una sala confortevole per svolgere la riunione e prenotala. Questo punto è importante. Se alla riunione parteciperanno 10 persone, non devi assolutamente usare una stanza piccola, senza riscaldamento o aria condizionata. Le persone s’innervosirebbero e la riunione, per quanto ben pianificata, non sarebbe molto produttiva. Ricordati di prenotare la sala, per evitare che, al momento della riunione, risulti occupata da altri. Ricordati anche di prenotare tutto ciò che ti serve e che hai definito al passo 3.

Invita i partecipanti. Quasi tutte le riunioni, oggi, sono indette via posta elettronica. Ad ogni modo, indipendentemente dal mezzo usato, ricorda di invitare i partecipanti indicando loro:

La data e l’ubicazione della riunione (ad esempio: ” La riunione si svolgerà nella sala x alle ore 15. 30″);
Gli obiettivi e l’agenda della riunione.

Dovrai anche fornire loro tutta la documentazione, che hai individuato nel passo 3, necessaria a discutere i punti dell’agenda. Se si tratta di una partecipazione che può essere delegata, puoi in includere questo modello di delega nell’invito. Puoi anche decidere, se ritieni che l’analisi dei documenti prenda tempo, di spostare la data che hai identificato quando hai scritto l’agenda. Ricorda di chiarire che la lettura dei documenti non farà parte della riunione: i partecipanti dovranno leggerli e studiarli prima.
Ora potete inviare gli inviti serenamente, poiché avete organizzato una riunione di successo.

Future e Forex – Differenze

Essendo il più grande mercato finanziario del mondo, il Foreign Exchange mette all’interno del mercato varie valute del mondo per un valore complessivo di oltre 1.500 miliardi di dollari, ogni giorno. I futures, invece, portano nel mercato delle offerte per l’acquisto o per la vendita di valuta estera ad una data specifica per il futuro, il cui prezzo è però fissato oggi. In altre parole, i futures sono delle offerte di scambio a termine, fatti su misura per le esigenze del cliente.

Vediamo quali sono i vantaggi del Forex trading sui futures, in particolare guardiamo alla differenza tra i due mercati per quanto riguarda il loro target di riferimento, i costi e le operazioni di liquidità.

Ventiquattro ore di mercato. Il mercato delle valute è aperto 24 ore, a differenza della maggior parte degli scambi di futures, il che consente ai suoi operatori di reagire alla avvenimenti di mercato in maniera immediata. Il mercato dei futures, invece, funziona solo durante l’orario lavorativo.

Superiore liquidità. Il mercato Forex ha una grande liquidità rispetto ai futures. Sappiamo infatti che il Forex è il mercato più grande e più liquido al mondo. Il mercato dei futures, invece, è un mercato del valore di 30 miliardi di dollari al giorno, che prevede una liquidità limitata legato ad un volume minore di negoziazione.

Il Forex usa delle quotazioni di prezzo semplici e facili. La negoziazione dei futures, invece, considera anche il fattore tempo e i tassi d’interesse tra le diverse valute,il che complica notevolmente il calcolo.

Il Forex è esente da commissioni. I contratti futures, invece, presentano dei costi di negoziazione, delle commissioni di cambio e delle spese di liquidazione, che erodono la maggior parte dei profitti del trader. Anche se nel Forex c’è sempre un costo di apertura, lo spread, questo non è assolutamente paragonabile al maggior costo dei futures.

Alta qualità di esecuzione e velocità. Solo con il commercio Forex un trader può sperimentare la qualità di esecuzione e l’alta velocità della stessa. Il motivo per cui il mercato dei futures non offre una rapida esecuzione è dovuto al minor volume di scambio e alla minore liquidità.