Come Lavorare nella Politica

La campagna elettorale in corso sta mettendo in luce schiere di professionisti – più o meno giovani – a supporto dei candidati, dai portavoce ai Campaign Manager, dalle persone che si occupano della segreteria agli Spin Doctor. Persone che ora appaiono sotto i riflettori, ma che in realtà lavorano per tutto l’anno, spesso dietro le quinte. Proviamo a vedere quali sono i mestieri della politica e come si può trasformare una passione nella propria professione per tutta la vita. Con una premessa: anche se negli ultimi anni sono nate alcune offerte formative, la maggior parte di coloro che lavorano nel settore ci sono arrivati casualmente o per conoscenza diretta. È difficile, in sostanza, immaginare nel nostro paese un mercato della domanda e dell’offerta di lavoro in questo comparto come avviene nei Paesi anglosassoni.

Il portavoce
È la figura più diffusa, l’alter ego del politico, la persona di maggiore fiducia. Il portavoce ha il compito di curare la comunicazione all’esterno del candidato o del rappresentante delle istituzioni. Il suo lavoro si svolge, quindi, in continuo contatto con la persona che rappresenta. Di solito il portavoce svolge anche il compito di responsabile comunicazione e/o ufficio stampa. In questo ambito il suo è per lo più un ruolo di mediazione, tra i giornalisti e il politico. Per svolgere questa attività occorrono innanzitutto una grande conoscenza dei media e delle loro dinamiche, oltre che flessibilità negli orari lavorativi e resistenza allo stress.

Esperto comunicazione
Molto diffuso negli Stati Uniti, è l’esperto della comunicazione e del marketing politico, un professionista in grado di analizzare lo scenario politico e geografico e anticipare le probabili ricadute della persona per cui lavora. I suoi compiti possono spaziare dalla scrittura dei discorsi alla cura dell’immagine e delle pubbliche relazioni del politico, fino alla programmazione dei momenti di visibilità del candidato (tipo comizi, incontri, eventi di vario genere).
Spin è un termine ricavato dal gioco del baseball, a indicare la direzione che viene data alla palla. Quindi è una persona che conosce in profondità il mondo della comunicazione e ha la capacità di orientare l’agenda dei media in modo da massimizzare l’impatto positivo sul politico che rappresenta. Ecco perché a svolgere questo lavoro sono soprattutto persone capaci di mantenere la freddezza anche nei momenti più difficili. Giurisprudenza, Scienze Politiche e Scienze della Comunicazione sono le lauree più gettonate per arrivare a svolgere questa professione, anche se ultimamente sono in crescita professionisti che arrivano da un percorso nelle discipline di Statistica o affini.

Fundraiser
Il Fundraiser è un professionista diffuso in particolare nel settore non profit. Per quanto concerne la politica, solitamente trova impiego al servizio dei partiti o delle fondazioni. Il suo compito principale è reperire le risorse finanziarie – sotto forma di sussidi, sponsorizzazioni, donazioni o altro – indispensabili per svolgere le attività dell’organizzazione per la quale lavoro. Un lavoro che parte dall’analisi del contesto economico in cui si opera, per passare all’individuazione dei possibili sostenitori e alla gestione delle pubbliche relazioni con gli stessi.
Questo professionista deve avere prima di tutto grande padronanza delle tecniche di marketing e di comunicazione, deve possedere nozioni di diritto e conoscere i fondamenti della contabilità e del bilancio. Inoltre deve essere naturalmente portato alle relazioni personali ed essere dotato di grande capacità persuasiva.

Campaign Manager
È la figura con il maggior impatto mediatico in queste settimane. Il responsabile della campagna elettorale è il regista di tutte le operazioni nei due-tre mesi che precedono le votazioni. In realtà, però, il suo lavoro si svolge durante l’intero arco dell’anno. Il Campaign Manager guida un team di persone con competenze diversificate e segue direttamente alcuni passaggi fondamentali: analisi dei temi, sviluppo della ricerca, management di risorse umane ed economiche, costruzione di alleanze strategiche, comunicazione per mobilitare, valutazione dell’azione. Propensione al coordinamento, mentalità manageriale e capacità di resistere allo stress sono le doti indispensabili per farsi strada nel settore. Per chi vuole muovere i primi passi, il consiglio è di mettersi alla prova in un’associazione culturale o di volontariato come Campaign Manager. Un’attività spesso svolta gratuitamente, ma che può agire da trampolino per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *