Elementi e Caratteristiche della Fattura

La fattura è il documento fiscale che attesta l’esecuzione di un contratto di compravendita e concede il diritto a riscuoterne il prezzo al venditore.

Tutti i titolari di Partita Iva devono emettere una fattura quando vendono un bene o prestano un servizio.

Questa regola ha però alcune eccezioni. Il venditore è  infatti esonerato dall’obbligo di emettere la fattura nei seguenti casi
-commercianti al minuto (emettono generalmente scontrino);
-prestazioni alberghiere (emettono ricevuta);
-agenzie di viaggio;
-somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
-autotrasporti di persone;
-transito sulle autostrade;
-agricoltori per beni di propria produzione;

La fattura deve essere emessa il giorno dell’operazione distinguendo tre situazioni diverse:
-cessione di beni immobili: il momento della stipulazione del contratto
-cessione di beni mobili: il giorno della consegna o spedizione; se vi è il documento di consegna (DDT), la fattura può essere emessa entro il 15 del mese successivo a quello di consegna o spedizione (fattura differita)
-prestazione di servizi: il giorno in cui viene pagato il corrispettivo

La fattura deve essere emessa in due esemplari: l’originale, che va consegnato o spedito al cliente, e la copia che deve essere conservata dall’emittente (per un periodo non inferiore a 10 anni).

Il contenuto può essere redatto senza vincoli particolari (ad esempio i dati identificativi del venditore possono essere inseriti nello schema nel centro in alto, oppure sulla sinistra in basso), ma deve contenere i seguenti elementi:
-la data di emissione e il numero progressivo attribuito (che ad ogni inizio anno deve ripartire da uno);
-i dati identificativi dell’emittente, che sono:
-il tipo di pagamento;
-gli estremi dei documenti di trasporto, cioè data e numero progressivo dei DDT, se si tratta di fattura differita;
-la natura, qualità e quantità dei beni ceduti;
-il prezzo unitario dei beni e il prezzo complessivo (ottenuto moltiplicando quantità per prezzo unitario);
-gli eventuali sconti e oneri accessori;
-l’aliquota e l’ammontare dell’IVA;
-il totale fattura, che costituisce l’importo totale a debito del compratore.

In particolare il contenuto della fattura e’ suddiviso in 2 parti: la prima descrittiva e la seconda tabellare

Parte descrittiva
Si tratta di una “descrizione” che fa da premessa alla parte tabellare
-Dati identificativi del venditore;
-Dati identificativi del compratore;
-Data di emissione;
-Numero della fattura;
-Informazioni sulle principali clausole contrattuali e condizioni di vendita (non obbligatorio);
-Eventuale riferimento al documento di trasporto.

Parte tabellare (o corpo della fattura)
Nella parte tabellare sono riportate informazioni di tipo quantitativo, collegate agli elementi essenziali e accessori del contratto e all’applicazione dell’Iva, che permettono di calcolare il totale della fattura, cioè l’importo che il compratore deve pagare.

La parte tabellare di una fattura può assumere forme diverse a seconda del numero di aliquote da applicare, ma in ogni caso le descrizioni e gli importi fanno riferimento:
-agli elementi essenziali del contratto di vendita, cioè alla descrizione della qualità e della quantità dei beni e all’inserimento del prezzo concordato, che permette di determinare l’importo complessivo del valore dei beni ceduti;
-agli importi collegati con le clausole accessorie del contratto, in caso di addebito nei confronti del
compratore;
-all’Iva che viene applicata sul valore dei beni principali e sugli oneri accessori imponibili: questi
ultimi corrispondono a beni accessori ceduti dal venditore insieme con i beni principali (ad esempio gli imballaggi) o a servizi prestati direttamente dal venditore (ad esempio trasporto a cura del venditore ma a carico del compratore), risultanti dalle clausole accessorie, che fanno parte della base imponibile.

Il contenuto della parte tabellare riguarda percio
-Natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi forniti.
-Prezzo unitario e importo della fornitura.
-Sconti mercantili e costi accessori per definire la base imponibile (cioè l’importo sul quale si calcolerà l’IVA).
-Totale imponibile, aliquota Iva e ammontare dell’imposta.
-Importi esclusi o esenti da Iva, operazioni non imponibili (con la citazione dell’articolo relativo del decreto Iva)
-Totale della fattura (cioè l’importo complessivo dovuto dal compratore.

Sono disponibili vari modelli possibili di fattura, acquistabili in negozio, oppure frutto di schemi aziendali redatti al computer, come questo modello di fattura immediata presente sul sito Lafattura.net, oppure stampati direttamente da un programma di fatturazione computerizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *