Come Tutelarsi con il Contratto di Locazione

Spesso quando si affitta un appartamento si ha poca esperienza e si rischia di incappare in spiacevoli sorprese.

Iniziamo con la legge.
Per legge esistono principalmente due tipi di contratto di locazione di un immobile ad uso abitativo.
Il primo tipo di contratto prevede un canone libero e una durata fissata in quattro anni rinnovabili di quattro in quattro.
Il secondo tipo di contratto,invece,predispone un canone calmierato e una durata prevista di tre anni,rinnovabile di altri due.
Sono previsti anche contratti per locazioni di durata transitoria,che vanno da uno a 18 mesi,o altre diverse tipologie specifiche per categorie di inquilini.

Tutti i contratti d’affitto vanno ufficializzati entro trenta giorni dalla data della firma all’agenzia delle entrate.
L’operazione di registrazione può,oggi,essere fatta anche sul web,infatti l’agenzia delle entrate ha predisposto un sito internet dedicato proprio a queste pratiche.

Ma quali sono i punti saldi da tenere ben presente prima di firmare un qualsiasi contratto d’affitto?

Risulta essere importante stabilire in maniera esplicita quali saranno gli oneri accessari a carico dell’inquilino dal momento della locazione.
Una giusta soluzione è quella di formulare un’apposita tabella all’interno della quale esplicitare questi costi.ma ricordate che per avere valore legale ,la tabella deve essere menzionata nel contratto.

Altro punto importante è la registrazione del contratto.per avere effetto legale,questo deve essere registrato all’ufficio del registro.
Dal momento della registrazione,sia l’inquilino che il proprietario saranno assoggettati a una specifica imposta.nel caso uno dei due non ne facesse adempimento,anche l’altro ne sarà considerato responsabile.

Il deposito cauzionale è richiedibile per un massimo di tre mensilità.
Al termine del contratto di locazione,al proprietario è fatto obbligo di restituire l’intero importo e ogni anno l’inquilino può riscuotere gli interessi maturati su quella somma.
Il verbale può essere un utile alleato in caso si verifichino controversie.
Risulta essere importante che sia molto dettagliato. Può essere scritto utilizzando questo modello verbale riconsegna immobile.
Importante è che ad ogni mensilità,il proprietario rilasci la corrispondente ricevuta. Di solito le rate sono mensili e anticipate.

Il contratto può essere recesso anche prima della naturale scadenza, sempre che siano presenti gravi motivi da parte dell’inquilino.
Questi gravo motivi possono essere:trasferimento per motivi di lavoro o di studio,acquisto di una casa o famiglia.
Fondamentale è che venga dato un preavviso di almeno 6 mesi e che l’informativa di disdetta di contratto avvenga con raccomandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *