Come Aprire Bed and Breakfast

Avviare un bed and breakfast, è stato ed ancora oggi, l’obiettivo in Italia di migliaia di persone, di cui una buona parte donne.

I numeri parlano chiaro, negli ultimi 20 anni, c’è stato un vero e proprio boom di aperture ovunque per questo genere di attività, dalle città alle località di mare, nelle aree montane, lungo le strade statali ma anche nelle città turistiche, ecc..

Per comprendere questo fenomeno, occorre sottolineare alcuni aspetti/vantaggi legati a questa attività e fra questi :
le normative non eccessivamente complicate inerenti l’apertura di questa impresa.
Si tratta infatti di adibire una o più stanze per gli ospiti, secondo alcuni standard abbastanza semplici(previsti dalla legge) per quanto riguarda l’arredamento e le dimensioni (occorre comunque verificare le normative sia n azionali che regionali).
Arredare una stanza di 8 metri quadrati oppure di 14 metri quadrati (in caso di stanza doppia), non è poi particolarmente impegnativo dal punto di vista dei costi.
Oggi, l’arredamento base di una stanza ha costi limitati.

Si tratta piuttosto di comprendere se l’area destinata a bed and breakfast è già predisposta dal punto di vista degli impianti (elettrico, idraulico, ecc.) e quindi, a norma con le attuale leggi.
Anche per quanto riguarda l’allestimento della stanza da bagno, la legge prevede la presenza di una dotazione minima standard (un wc, un lavabo, una doccia od in alternativa una vasca da bagno, uno specchio, ecc.).

Per gli altri impegni previsti a carico del titolare :
la colazione alla mattina e la pulizia delle stanze.

Gli investimenti da effettuare quindi, vanno da un minimo di poche migliaia di euro, nel caso l’immobile sia a già a norma e praticamente quasi pronto per ospitare le persone, fino all’investimento di cifre decisamente più elevate (anche alcune decine di migliaia di euro in diversi contesti), nel caso in cui si debba prevedere la realizzazione di una serie di lavori edili ed adattamenti, per mettere a norma le stanze e tutta la zona per ospitare i clienti.

Occorre dire che l’offerta attualmente presente è ampia e va a coprire ogni area geografica dell’Italia senza esclusioni.
Fino a 15 anni fa, la domanda proveniente dal mercato di stanze con questa modalità, non era sufficientemente coperta dall’offerta.
Oggi, le cose sono cambiate nel frattempo.
Sono nati nel frattempo infatti migliaia di bed and breakfast ovunque ed in alcune zone, siamo già a livello di saturazione del mercato.
Quindi, nella scelta della zona in cui aprire, occorre effettuare una ricerca seria per comprendere se ne vale la pena veramente.

Il fatturato di un bed and breakfast non è elevato.
Affittare due o tre stanze anche per buona parte dell’anno, può rappresentare un modo intelligente e razionale per integrare il reddito familiare ma certamente, essendo il fatturato complessivo annuo non elevatissimo, bisogna calcolare bene i costi di gestione per capire quali sono le spese che vanno ‘tenute sotto controllo.

La pulizia, il riscaldamento, la manutenzione ordinaria (imbiancare la stanza, manutenzionare gli impianti, ecc.), offrire la prima colazione, i costi di promozione.
La promozione di un’attività è fondamentale, indipendentemente dal settore, per poter farsi conoscere ed attirare clienti.

Anche e sopratutto un bed and breakfast, deve considerare e programmare questo aspetto con molta attenzione.

Le risorse da impiegare come abbiamo detto la puntata precedente, non sono molte e vanno pertanto utilizzate con molto criterio, scegliendo quelle modalità di promozione che consentono di massimizzare i costi.
Oggi, la promozione di un’attività turistica passa inevitabilmente dal Web che rappresenta il fulcro di ogni attività di marketing.
Partendo dal proprio sito Internet che deve contenere le informazioni sull’attività e la possibilità di effettuare prenotazioni (on line e telefoniche), sino ad arrivare alla creazione di un proprio account su Facebook che integra le proprie pagine Web.
Nel corso degli anni, sono comparsi moltissimi siti e portali specializzati nel settore turistico, compresi quelli a carattere locale (cioè, quelli che vanno a coprire l’area geografica in cui il bed and breakfast è operativo) ed anche tutti quei portali dedicati esclusivamente a questo genere di attività.

Non dimentichiamo anche quel gran numero di siti di booking e prenotazione on line che consentono alle attività turistiche di ricevere un certo numero di prenotazioni direttamente dal Web.

Per quanto riguarda le forme di promozione tradizionale, il bed and breakfast, utilizza
i biglietti da visita ed i depliant che vengono lasciati presso ristoranti, trattorie ‘amiche’ ed aree di passaggio dove i possibili ospiti transitano.
Anche la collaborazione con dei tassisti ed altri operatori che sono a contatto con potenziali , sono molto utili in questo tipo di impresa.
Il bed and breakfast utilizza ovviamente un’insegna visibile dalla strada e talvolta a anche cartelli presso le stazioni ferroviarie e zone di arrivo.

La cura dell’ospite è fondamentale.
Non si tratta quindi semplicemente di offrire dei servizi standard e farsi pagare.
Oggi, la principale pubblicità è data dal passaparola che si esprime quasi interamente on line attraverso una quantità enorme di commenti sui vari siti specializzati, dove gli ospiti postano i commenti in merito alla qualità del servizio.
Quindi, fidelizzare i clienti e farli diventare contemporaneamente il principale strumento di marketing, deve essere l’obiettivo di un titolare di attività turistica, come appunto lo è colui che gestisce un bed and breakfast.

La colazione ed altri momenti di contatto con l’ospite, rappresentano anche l’occasione per offrire aiuti e consigli al cliente e riuscire così a stabilire un rapporto amichevole che permette al bed and breakfast di crescere e promuoversi nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *